Slideshow Image 1 Slideshow Image 2 Slideshow Image 3 Slideshow Image 4 Slideshow Image 5 Slideshow Image 6

Museo Diocesano di Otranto

Progetto di adeguamento funzionale, allestimento e multimedialità

  • Committente:
    Arcidiocesi di Otranto
  • Anno:
    2003
  • Tipo:
    architettura
  • Status:
    in costruzione
  • Team:
    arch. Fernando Russo
  • Superficie:
    380 mq
  • Localizzazione:
    Otranto (LE) - Italia
 

Il museo Diocesano di Otranto è attualmente sito nel palazzo Lopez in piazza Basilica, che con il Seminario, la Cattedrale e la torre campanaria crea quella suggestiva quinta architettonica che forma la suggestiva piazza Basilica. Il progetto ha l’obiettivo di rendere il Museo Diocesano fruibile attraverso un allestimento che valorizzi i beni storici-artistici in esso custoditi; di garantire una migliore accoglienza del visitatore attraverso strumenti didattici relativi non solo ai beni esposti al suo interno ma anche ai beni monumentali presenti nella Diocesi. All' interno del museo vengono introdotti alcuni servizi prima assenti come una sala lettura, una sala multimediale con caffetteria, ed in particolar modo di rendere accessibili tutti i servizi da parte di portatori si handicap attraverso una rampa esterna d’accesso al museo, un vano ascensore per il primo ed il secondo piano, una piattaforma di sollevamento per il raggiungimento degli attuali servizi igienico-sanitari. All’adeguamento impiantistico e strutturale per l’accesso dei portatori di handicap, fanno seguito le opere di allestimento ed arredo progettate secondo quanto già catalogato ed aggiornato dalla Sovrintendenza per accogliere le opere destinate ad un’esposizione permanente e quelle che andranno in rotazione dopo il restauro ipotizzato nel seguente progetto. Il percorso museale ideato segue due logiche parallele: quella della valenza artistica e storica dei manufatti e quella strettamente connessa alla fede. Lo scopo del Museo Diocesano di Otranto, oltre ad essere quello primario di conservare degnamente ed in maniera fruibile i beni in esso esposti, consiste nel costituire una fonte di informazioni per la storia della Cattedrale e delle vicende storiche Idruntine, dato il lungo arco temporale in cui si dispiegano i manufatti al suo interno, basti pensare al pavimento musivo di epoca romana rinvenuto al di sotto della Cattedrale. In tal modo esso assolverà ad un’ulteriore funzione, quella di contribuire alla conoscenza della storia dell’arte del Salento in cui Otranto è profondamente immersa. Il Museo Diocesano ospita prevalentemente manufatti lapidei dal V sec. al VXIII sec., dipinti di varie epoche, vestiario sacro, mitre, argenti. E’ stata quindi progettata una nuova esposizione di tutto il materiale secondo un percorso cronologico. Ciò ha richiesto una nuova distribuzione degli ambienti del museo organizzato per accogliere il visitatore ed offrire, oltre che materiale informativo-didattico, anche degli spazi per l’approfondimento. La maggior parte dei supporti sono stati disegnati in base alle effettive dimensioni del reperto stesso riprendendo lo schema di esposizione già esistente modificando il materiale del supporto. L’arredo dei piani superiori si restringe a quello strettamente necessario per l’osservazione dei dipinti. All’ultimo piano è prevista una sala multimediale attrezzata per collegamento internet con altri musei diocesani o con lo stesso Lapidarium.