Slideshow Image 1 Slideshow Image 2 Slideshow Image 3 Slideshow Image 4 Slideshow Image 5 Slideshow Image 6

Castello Dentice di Frasso

Progetto di restauro, consolidamento e fruizione del castello

  • Committente:
    Comune di Carovigno
  • Anno:
    1985
  • Tipo:
    restauro
  • Status:
    realizzato
  • Team:
    arch. Fernando Russo
  • Consulenti:
    ing. V. Carbonara
  • Localizzazione:
    Carovigno (BR) - Italia
 

Il restauro proposto è di tipo conservativo, rispettoso delle varie stratificazioni architettoniche succedutesi nel tempo. Convinzione di fondo del progetto di restauro fu che la un edificio storico è da intendersi come un organismo che cresce, si trasforma, si modifica finchè viene utilizzato, dunque esso va curato, conservato ma non imbalsamato, ponendosi anche il problema della sua  utilizzazione e delle possibili innovazioni che rendono possibile la sua vita nel contesto attuale. I lavori di restauro sono stati finalizzati anche all’uso dell’ immobile che oltre a consentire l’utilizzazione sociale, culturale e turistica, ne garantisse l’ efficienza nel tempo. Il castello presentava problemi di degrado dovuti alla mancanza di manutenzione nel tempo. I fattori che hanno contribuito nel tempo al progressivo degrado sono stati: acque piovane, vegetazione infestante, deterioramento degli impianti. Gli interventi effettuati sono di varia natura: ripristino delle opere di difesa previa fase preliminare di saggi, ripristino del carattere architettonico militare della torre ad ogiva, eliminazione del porticato (1961) in falso stile gotico, eliminazione della superfetazione formata dal corpo di fabbrica addossato alla torre cilindrica, ripristino della spazialità interna dei locali. Sono state realizzate inoltre interventi di consolidamento statico-conservativo lungo le cortine murarie: consolidamento delle murature con perforazioni armate, risarcitura di lesioni con schegge di pietra e malta, consolidamento e restauro di superfici di elementi architettonici e ornamentali, sostituzione di conci di paramento murario degradato e integrazione di quelli mancanti, revisione delle merlature, saettiere e muretti d’attico. Particolare cura è stata posta al recupero delle pavimentazioni di pregio sia interne che esterne.