Slideshow Image 1 Slideshow Image 2 Slideshow Image 3 Slideshow Image 4 Slideshow Image 5 Slideshow Image 6

Museo Diocesano di Bitonto

Progetto di restauro, adeguamento funzionale, allestimento e multimedialità dell’ ex-seminario

  • Committente:
    Arcidiocesi di Bari-Bitonto
  • Anno:
    2002
  • Tipo:
    restauro
  • Status:
    in costruzione
  • Team:
    arch. Fernando Russo
  • Consulenti:
    arch. F. Aiello, Goppion s.p.a. , DZengeneering
  • Superficie:
    5000 mq
  • Localizzazione:
    Bitonto (BA) - Italia
 

Il museo comprende una vasta area espositiva a piano terra, composto dai due chiostri destinati a Lapidarium, l’archivio storico e la biblioteca Diocesana; al primo piano, tenendo conto delle particolarità delle varie sezioni, si trova il ciclo pittorico dal XII sec. al XVIII sec., le sculture lignee, gli oggetti sacri, l’apparato tessile. I servizi all’interno della moderna museologia hanno un valore alto e spesso possono essere il valore aggiunto, che può garantire al Museo parte della sua capacità di autosostenersi.     I servizi previsti nel Museo comprendono anche luoghi non destinati al pubblico o ai visitatori, ma destinati ad un diverso utente come parroci, enti ecclesiastici,  come i laboratori di restauro, i depositi di giacenza delle opere, all’archivio e catalogazione, alla custodia e conservazione. I servizi sono stati predisposti in modo tale da non interferire con la visita. Al primo piano i servizi destinati al pubblico sono stati ubicati all’esterno del percorso espositivo ed accessibili direttamente dall’estero come la sala multimediale, la sala riunioni-convegni, la sala didattica e lettura. La scelta del percorso espositivo mira a valorizzare l’importante raccolta del Museo nel rispetto della contestualizzazione tipologica degli oggetti e, all’interno di questa, della sequenza cronologica.
Particolare risalto è dato agli ambienti culturali entro le quali le opere sono nate ed i loro autori hanno operato. Un contesto culturale, sociale e religioso entro il quale la storia della raccolta, provenienza ecclesiale, committenza laica od ecclesiastica, tracceranno il ruolo della Diocesi e della chiesa bitontina dal medioevo all’età moderna.